COMMENTARIO DEL NUOVO TESTAMENTO – EFESINI

25.00

John MacArthur, pag. 462

COD: LAOSB322 Categoria:

Descrizione

risorsa per pastori, insegnanti, conduttori, studenti e per chiunque voglia studiare più a fondo la Parola di Dio. Ciascun volume è pensato per essere uno strumento di consultazione allo scopo di comprendere il significato del testo, ma può essere anche usato come lettura devozionale. Questa serie di commentari è l’ideale per lo studio personale, per piccoli gruppi, o nelle riunioni comunitarie. John MacArthur spiega ciascun verso con precisione dottrinale e in modo decisamente pratico.

Efesini è stato definito “il libretto degli assegni del cristiano”, “la cassaforte della Bibbia” e “la banca del credente”. Questa bella epistola rivela ai cristiani le grandi ricchezze, l’eredità e la pienezza che hanno in Gesù Cristo e nella sua chiesa. Mostra loro quel che possiedono e come rivendicarlo e goderne.

Durante la Grande Depressione degli anni Trenta, molte banche non consentivano ai propri clienti di prelevare periodicamente più del dieci per cento dai loro conti, non avendo riserve sufficienti per coprire tutti i depositi. Ma la banca celeste di Dio non ha tali limiti o restrizioni. Quindi nessun cristiano ha motivo di essere spiritualmente indigente, denutrito o impoverito. In effetti non c’è ragione perché non goda di perfetta salute e non sia immensamente ricco nelle cose di Dio. Le risorse celesti del Signore sono più che adeguate per coprire tutti i nostri debiti passati, tutte le nostre pendenze attuali e tutti i nostri debiti futuri, e tutto senza nemmeno intaccare il patrimonio celeste. Questa è la meraviglia della misericordiosa provvidenza di Dio per i suoi figli.

In questa epistola Paolo parla delle “ricchezze della sua [di Dio] grazia” (1:7), delle “insondabili ricchezze di Cristo” (3:8) e delle “ricchezze della sua gloria” (3:16). Esorta i credenti a giungere “all’unità della fede e della piena conoscenza del Figlio di Dio, allo stato di uomini fatti, all’altezza della statura perfetta di Cristo” (4:13), ad essere “ricolmi di Spirito” (5:18) e “di tutta la pienezza di Dio” (3:19).

In questo libro la parola ricchezze viene utilizzata cinque volte, grazia dodici volte, gloria otto, pienezza, ricolmi, o piena sei volte, e la frase chiave in Cristo (o in lui) quindici volte. Cristo è la fonte, la sfera e la garanzia di ogni benedizione spirituale e di tutte le ricchezze spirituali, e chi dimora in lui ha accesso a tutto ciò che Egli è ed ha.

John MacArthur, pag. 462   

Share Button
X