LE PARABOLE DI GESU’

13.00

Commento pratico con domande per lo studio
Samuele Negri, pag. 210

COD: LMBGSB185 Categoria:

Descrizione

 

Allora i discepoli si avvicinarono e gli dissero: «Perché parli loro in parabole?».
Egli rispose loro: «Perché a voi è dato di conoscere i misteri del regno dei cieli; ma a loro non è dato. Perché a chiunque ha sarà dato, e sarà nell’abbondanza; ma a chiunque non ha sarà tolto anche quello che ha. Per questo parlo loro in parabole, perchè vedendo, non vedono; e udendo, non odono né comprendono». (Matteo 13:10-13)
Commento pratico con domande per lo studio

Probabilmente qualcuno si chiederà: “Perché un libro sulle parabole del nostro Signore Gesù Cristo? Non ha egli detto che il loro scopo è di rivelare e di nascondere allo stesso tempo?”.
Questa risposta ci mostra l’importanza di avere molto discernimento e attenzione nella loro comprensione. Infatti, l’esame di esse ci rivela che, mentre alcune parabole sono di immediato intendimento e comprensione, altre richiederanno un’attenta riflessione per quel che concerne la loro applicazione.
Per esempio, bisogna discernere se riguardano una situazione attuale oppure una realtà futura. In altre parole, il Signore Gesù Cristo ci ha narrato le parabole per esserci di aiuto onde camminare nelle vie della fede e dell’ubbidienza alla perfetta volontà di Dio. 
Samuele Negri, pag. 210
Share Button
X